Miglior Prezzo Garantito

Anselm Kiefer. Questi scritti, quando verranno bruciati, daranno finalmente un po’ di luce

Ritratto di Anselm Kiefer I Foto: Georges Poncet


Anselm Kiefer (Donaueschingen, Germania, 1945) ha accettato l'invito della Fondazione Musei Civici di Venezia (MUVE) a presentare un'installazione di dipinti site-specific in grado di dialogare con due degli spazi più importanti di Palazzo Ducale e con la storia stessa di Venezia, componendo un'opera che riflette sulla posizione unica di Venezia posta tra il Nord e il Sud e sulla sua interazione tra Oriente ed Occidente e trova connessioni altrettanto significative tra queste differenti culture, la storia della città e il testo dell'opera tragica di Goethe, Faust: Seconda parte (1832). I riferimenti filosofici e letterari sono una costante nel lavoro di Anselm Kiefer, il titolo stesso della mostra Anselm Kiefer. Questi scritti, quando verranno bruciati, daranno finalmente un po’ di luce (Andrea Emo) trae origine dalle parole del filosofo veneto Andrea Emo (1901 - 1983), i cui scritti Kiefer ha incontrato per la prima volta sei anni fa scoprendo profonde consonanze con il proprio metodo artistico. Palazzo Ducale dal canto suo, ha accolto generazioni di artisti tra i quali Giovanni Bellini, Vittore Carpaccio, Tiziano, Veronese, Tintoretto e molti altri, mentre lo spazio monumentale e le pareti della Sala dello Scrutinio, la sede designata all’elezione del Doge, sono riccamente decorati da dipinti che celebrano il potere della Serenissima Repubblica di Venezia.



  1. Parole chiave: venezia, palazzo ducale, arte, mostre, arte.it, anselm kiefer, fondazione musei civici di venezia, muve, nozio business, andrea emo